Cap. 5 – La CRF 1000 (Honda CRF1000L Africa Twin) 2016

“Fin dal primo momento in cui abbiamo iniziato a lavorare al design e alla progettazione della nuova Africa Twin, l’obiettivo è stato di creare la migliore moto ‘adventure’ di sempre, che fosse ugualmente divertente e performante sia attraversando i continenti, sia nei lunghi trasferimenti autostradali, ed anche nel traffico dei quotidiani tragitti urbani.

La popolarità e le prestazioni del modello precedente hanno costituito un importante punto di riferimento durante tutto il periodo di progettazione, e dopo molti mesi di ricerca, sperimentazione, sviluppo e prove, possiamo dire che la nostra CRF1000L è in grado di affrontare il fuoristrada regalando al pilota un piacere di guida unico, mantenendo il comfort necessario per il turismo a lungo raggio e l’agilità che diverte su ogni tipo di percorso stradale. In altre parole, una moto veramente degna di ereditare il nome Africa Twin.” Y. Hasegawa, (Series Large Project Leader), CRF1000L Africa Twin:

Sono passati 12 anni da quando un Africa Twin era a catalogo Honda, ma finalmente nel 2015 ritorna in grande stile il marchio su una moto completamente nuova.

Cambia la sigla della moto, non più XRV750, ma CRF 1000, con diverse declinazioni ABS, DCT, TC, Travel etc. per cui non esiste solo un Africa Twin, ma ne esistono subito diverse versioni con colorazioni base (R334B Victory Red ), (NHA86 Matt Ballistic Black Metallic) e con una colorazione più costosa (NHB53H Pearl Glare White Tricolour) con cerchi color oro.

A livello tecnico vi è un autentico abisso tra le due versioni:

Il motore è un bicilindrico parallelo frontemarcia estremamente compatto, da 998 cc, dotato di testata Unicam, con un’elevata luce a terra per superare anche gli ostacoli più impegnativi.

Terminale di scarico per “suonare” grintoso agli alti regimi e cupo e profondo a basso regime.

Sistema HSTC (Honda Selectable Torque Control) a 4 livelli di controllo (1, 2, 3 e Off) per selezionare la modalità di guida tra uso stradale e fuoristrada

Sistema DCT con modalità D (Drive) e tre modalità S (Sport) a livelli crescenti di sportività nei regimi di cambiata.

Il peso della nuova versione pur rimanendo uguale alla precedente XRV ha una cilindrata maggiore del 25% e il 55% di potenza in più, ad esempio l’avantreno è più leggero di 860 grammi rispetto alla precedente XRV

Cerchi a raggi da 21 pollici all’anteriore e 18 pollici al posteriore, sui quali si possono montare anche specialistici pneumatici tassellati.

Il cruscotto è completamente digitale a retroilluminazione negativa disposto in modo verticale con tantissime informazioni come contagiri, velocità istantanea, il livello carburante, orologio, marcia inserita, impostazione HSTC, computer di bordo, modalità DCT attiva, consumi, contachilometri totale e parziale.

La versione DCT è dotata del “freno a mano” al posto della tradizionale frizione, la posizione lontana dalla mano sinistra, impedisce di frenare inavvertitamente.

Il Manubrio è più leggero e resistente con un diametro rastremato dalla sezione centrale verso le manopole.

Tantissimi gli accessori disponibili visibili qui.

Prezzo: Euro 12.650 (versione base), Euro 13.150 (ABC e TC), Euro 14.300 (ABS, TC, DCT), Euro 14.700 (ABS, TC, DCT, Tricolour), Euro 17.450 (ABS, TC, DCT, Tricolour, Travel Edition).

Velocità Massima: 202 km/h

Peso a secco: 208 kg (versione base), 212 kg (ABS), 222 kg (DCT)

Consumo medio: 16,3 km/litro (urbano), 17,9 km/litro (extraurbano)

Potenza alla ruota: 85,79 CV

Accelerazione: 0/100: 5,0 sec.

Altezza sella: 850/870 mm

Brochure CRF

Video

Images

***

<<< PRECEDENTE / SUCCESSIVO >>>

***

Intro, Cap. 1, Cap. 2, Cap. 3, Cap. 4, Cap. 5, Cap. 6, Cap. 7, Cap. 8, Cap. 9. Cap. 10, Credits

Images, Video, Brochures, Sticker Album